Storia della cantina Gajaudo passione del Rossese di Dolceacqua

La storia dell’Azienda parte nel 1986 quando Adriano Gajaudo un rappresentante appassionato di vini decide di mettersi in proprio con i suoi giovani figli, Giulio e Fulvio.
L’Azienda prende forma nei primi anni nel Comune di Dolceacqua, con il passare degli anni nel 1999 avviene la svolta, poco prima della vendemmia ad Agosto l’azienda si trasferisce a Isolabona, precisamente fra Isolabona e Pigna, in uno stabilimento molto più grande.

  • Gajaudo

Con questo investimento la Cantina Gajaudo comincia a crescere, aumentando i terreni e la produzione di bottiglie, passando da appena 20 mila bottiglie a 120 mila bottiglie e più in base all’annata.
Ogni vitigno venne scelto con cura, in base al terreno e alla posizione. Nel 2003 l’azienda apre le porte ai turisti organizzando e progettando uno showroom tutto per loro, con tavoli disposti intorno al bancone degustazione, partendo da pochi tavoli, l’azienda oggi può vantare della disponibilità di 120 posti a sedere.